Millennial e travel retail: intesa vincente!

I e : generazione alla riscossa

I retail sono le attività commerciali svolte in luoghi di viaggio (aeroporti, stazioni) rivolte ai consumatori di passaggio.
I millennial, invece, sono tutti quelli nati tra il 1982 e il 1995, persone nate e cresciute in piena era digitale che costituiscono un quarto della popolazione mondiale.
Che cosa hanno in comune queste due categorie? La generazione millennial copre un quarto della popolazione mondiale e nel 2016, durante l’attesa in aeroporto, hanno effettuato almeno un acquisto di prodotto premium o di lusso.
Questo vuol dire che, grazie al loro forte potere d’acquisto, i millennial stanno influenzando il settore del travel retail che, per anni, è rimasto invariato seguendo linee ben precise.
A comunicarci questi dati è uno studio effettuato dalla Italiana affiancata dalla .
Il 50% dei si spostano almeno due volte all’anno per effettuare percorsi a lunga distanza, mentre 1/3 effettua quattro viaggi l’anno: questo loro movimento li porta a essere la metà degli acquirenti che si rivolgono agli store degli aeroporti.
I millenial italiani sono quelli che presentano uno scontrino medio più elevato e si rivolgono agli store aeroportuali per tre motivi: auto gratificazione, possibilità di trovare oggetti esclusivi, promozioni.
A detta dei millennial, che valutano molto l’esperienza fatta, non tutti gli aeroporti offrono le stesse esperienze: i migliori sono quelli di Hong Kong, Dubai, Londra e Seoul.
Visto l’interesse della nuova generazione per i viaggi e per il traveler retail, il settore sta studiando nuovi prodotti per andare incontro alle esigenze di questa categoria che sta rivoluzionando il settore.
Oltre ad una serie di prodotti adatti ai viaggiatori asiatici (che sono in consistente aumento) si stanno sperimentando servizi basati sull’internet of Things (tutti gli apparecchi, diversi da pc, che possono connettersi a internet), sul digitale in generale e sull’Artificial Intelligence.
La sfida degli aeroporti è quella di creare sempre più esperienze emozionali.
Il business ha iniziato la migrazione online ed è un processo irreversibile. Per accompagnare la tua azienda in un percorso che porti a sfruttare il business digitale hai bisogno di un e-commerce manager.

Fonte: http://www.nielsen.com

Daniele Misto
Seguimi

Daniele Misto

Aiuto aziende ed imprenditori a vendere online con più profitto. Lo faccio aumentando la visibilità del brand, introducendo il catalogo prodotti in nuovi mercati ed ottimizzando i processi interni (amministrazione, magazzino, logistica, customer care). In due parole sono un e-commerce manager. Utilizzo nelle mie strategie i marketplaces italiani ed esteri, e-commerce evoluti, social media marketing, videomarketing, email marketing, sms marketing.
Daniele Misto
Seguimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *